La difesa dei diritti
in campo fiscale

Davvero ora l'amministratore di SRL risponde dei debiti della società?

Esiste o non esiste questa nuova norma del Codice Civile che prevede che gli amministratori di srl rispondano dei debito della società?

Questa norma esiste ma non dobbiamo fare allarmismi e in questo video ti spiego come funziona.

E' stata introdotta una norma per cui gli amministratori di Srl rispondono di fronte ai terzi creditori della società per eventuali danni cagionati dalla mancata conservazione, a loro imputabile, del patrimonio sociale.

A prima vista si potrebbe dire "Attenzione! non esiste più la Limitata Responsabilità se gli amministratori rispondono dei debiti della società"... però arriva fino alla fine di questo video!

Innanzitutto va detto che questa norma non è nuova nel nostro ordinamento e da tempo esisteva già per le Spa, cioè questa norma vale già da tempo per gli amministratori delle Spa. Oggi è ampliata legislativamente anche agli amministratori delle Srl ma c'è da dire che esistono delle sentenze che già in assenza di specifica norma sulle Srl avevano considerato gli amministratori di Srl responsabili di fronte ai creditori sociali tanto quanto gli amministratori di Spa.

Quindi molti giudici avevano già, per analogia, considerato quella norma per l'Spa operante per l'Srl.

Certo, questo cambiamento legislativo fuga ogni dubbio, quella norma oggi per legge di applica pacificamente anche agli amministratori di Srl ma quello che c'è da domandarsi è questo:

Quanto davvero gli amministratori di Srl possono temere questa norma?

Non si tratta assolutamente di una abolizione del principio della Limitata Responsabilità, per quale motivo? Perché non è automatico che se la Srl non paga i suoi debiti sarà il suo amministratore a pagare, come invece avviene nelle Snc: il socio amministratore di Snc è automaticamente responsabile dei debiti della Snc, se la Snc non adempie ai pagamenti nei confronti dei fornitori.

Qui non è la stessa cosa: il creditore che si sente danneggiato dal comportamento dell'amministratore deve fare un'azione civile, di responsabilità contro l'amministratore e dimostrare che è stato il suo specifico comportamento a causargli un danno che ha portato al mancato incasso dei suoi crediti.

Quindi si tratta di fare un'azione legale che parte molto in salita, per quale motivo? Perché il creditore sociale non ha a disposizione tutte le informazioni relative all'andamento della società. Conosce il bilancio della società, che viene depositato, ma null'altro. Quindi quella è un'azione molto complessa da fare.

Chi è il soggetto che invece ha più informazioni e con più facilità potrebbe fare un'azione di Responsabilità nei confronti dell'amministratore? Non i creditori sociali ma il curatore fallimentare, il quale, ovviamente, se una società fallisce può, avendo tutte le informazioni disponibili, fare un'azione di Responsabilità contro l'amministratore con qualche probabilità di successo.

Allora continua per il creditore insoddisfatto a essere molto più efficace come minaccia della Srl cliente che non paga una istanza di fallimento, che espone al fallimento e a questo ulteriore rischio che non un'azione nei confronti dell'amministratore che, come dicevo prima, non è affatto semplice da portare avanti.

Quindi non facciamo troppi allarmismi, non cambia moltissimo rispetto al passato.